IL MIO CENTRO (raccogliersi, dissolversi, ritornare )

Standard

ciclone-ian[1]

Raccolgo le mie cose

i miei sogni incompiuti

dispersi e abbandonati

sul campo della guerra

che mi oppone alla fine

al vuoto, al nulla.

Racchiudo le mie storie

al centro di me stessa

per leggerle in segreto

nel luogo in cui più forte

io provo il mio sentire.

Nel silenzio mi spoglio

delle idee costruite

subite e non decise,

degli abiti cuciti sulla pelle

da facili impostori,

delle maschere oscene

dipinte sul mio volto

per conformarmi al mondo

dell’ apparenza inutile.

E mi dissolvo nell’ unico dialogo

tra l’ ombra e la mia luce

dove anche la morte

sembra pacificata

al destino dell’ uomo.

Ho dovuto dissolvermi

per iniziare a  vivere :

la mia presenza integra

sussiste e viene in luce,

e continua la lotta

che ogni mio istante muta

in un ritorno.

Annunci

Informazioni su Marisa Cossu

Sono una poetessa, scrittrice e pittrice, amante della letteratura, della musica e dell'arte. Per molti anni ho esercitato la professione di docente MIUR e psicopedagogista. Mi dedico a studi filosofici, psicologici e sociologici. Ho pubblicato diversi libri di poesia, saggistica e narrativa.

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...