Una piccola fiaba per il piccolo Lorenzo: Il drago Linguadifuoco

Standard

C’ era una volta, e c’è ancora purtroppo, Linguadifuoco, un drago crudele grande come una città: di notte spiava il sonno dei bambini dalle finestre e di giorno dalle sue fauci enormi uscivano alte fiamme, fumo nero e veleni che ricadevano sull’erba, nel mare, sulle case. Tutto si ricopriva di una polvere di ferro rossa e impalpabile, mentre anche il vento e il sole erano impotenti contro tanta mostruosità. Il drago era sempre affamato: aveva inghiottito i quartieri a lui più vicini, le scuole, i pochi giardini, e i bambini non potevano più giocare all’ aperto. Tutti volevano far qualcosa per annientare la cattiveria del mostro, ma nessuno vi riusciva; intanto aveva iniziato a mangiare grandi e bambini…

Ora che la cattiveria del drago ha preso anche te, dolce piccolo bimbo, voglio narrarti il finale che io stessa avevo scritto per addolcire le mie nipotine che non volevano mai smettere di ascoltare questa ed altre fiabe. Linguadifuoco fu sconfitto un giorno dai papà e dalle mamme di Taranto che con un incantesimo lo fecero diventare buono, proprio come accade nelle classiche fiabe. So che i bimbi non hanno paura delle fiabe e neanche tu, piccolino, avrai più timore di tanto male nel luogo in cui riposi sereno, nella culla di una Vita nuova. Marisa Cossu.

(Per ricordare Lorenzo e sensibilizzare i tarantini che ancora non conoscono questa fiaba vera. )

Annunci

Informazioni su Marisa Cossu

Sono una poetessa, scrittrice e pittrice, amante della letteratura, della musica e dell'arte. Per molti anni ho esercitato la professione di docente MIUR e psicopedagogista. Mi dedico a studi filosofici, psicologici e sociologici. Ho pubblicato diversi libri di poesia, saggistica e narrativa.

»

  1. Ho letto le tue risposte ma non posso replicare se non aprendo un nuovo commento, perché i miei commenti non sono stati approvati. Come questo e quelli precedenti.
    Non sono stato scortese. Semplicemente ne ero impedito.
    L’ho fatto perché sia la vicenda umana sia quelle ambientali meritavano di essere lette da una platea più vasta.
    Purtroppo in Italia siamo ridotti in questo stato.
    Grazie per le tue parole gentili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...