Archivio mensile:febbraio 2015

Arrivederci !

Standard

 

Cari amici,

mi assento per un po’. Vi lascio il mio saluto con un’ opera contemporanea, legata alla figura di Frida Kahlo, che mi piace molto per i suoi colori e il suo contenuto simbolico.

Marisa Cossu

Diego Rivera, Venditrici di calle, 1943

Diego Rivera, Venditrici di calle, 1943

L’ archeologo

Standard

giorgio_de_chirico_006_archeologo_1927[1]

Giorgio De Chirico, L’ archeologo, 1927

Riappropriarsi di sé,

lasciare ad altri

la vuota archeologia

della città di pietra;

la paura di vivere

edifica cortine

di pensieri d’ argilla

dove il tempo entra

con l’ immobile polvere

e le cose  rifugiano

l’ ultimo alito di poesia

nell’ombra che sovrasta le pietre

trasformate in memoria.

Dove il sottosuolo si apre

a nuove costruzioni,

posa mattoni di fantasia

sulle rovine e le ingiurie

tu ci sei; senza volto siedi

sui gradini del dubbio,

senti il vuoto alle spalle

e provi incerto e solo

l’ansia per il futuro.

“Bellezza in the city” mi ha nominata per un Award!

Standard

award-share-the-love[2]Questo è il quarto Award” Condividi l’ amore” che mi viene assegnato dai cari amici del mio blog. Evidentemente il tema dell’ amore è uno dei più sentiti e meritevoli di attenzione in un mondo in cui l’amore viene spesso strumentalizzato, consumato. usato e declinato nelle più diverse accezioni, mentre il concetto  di bene universale è tenuto in poco conto. L’ amore è necessario come l’ aria che respiriamo, non se ne può fare a meno: esistono tanti tipi di amore, tutti degni di rispetto e di considerazione e ciascuno di essi ha  il diritto di esprimersi  arricchendo la società di  nuovi valori e di armonia. Vorrei citare Sant’Agostino  “AMA E FA’ CIO’ CHE VUOI”, perché l’ amore giustifica la nostra vita e le nostre scelte, riveste di bellezza la nostra esistenza, la riscalda e la riempie di luce; è un dono meraviglioso che ho la fortuna di condividere con voi.

“Ama e fa’ ciò che vuoi…

Se taci, taci per amore;

se parli, parla per amore;

se correggi, correggi per amore;

se perdoni , perdona per amore…”

SHARE THE LOVE BLOG AWARD creato da Rebecca Antolini

Ringrazio il blog “Bellezza in the city” per l’ affettoso e gradito pensiero.

Nomino 5 bloggers tra i tanti meritevoli:

-Farfalla Leggera

http://07082o14farfallaleggera.wordpress.com

-elvirafortunato

http://elvirafortunato.wordpress.com

-In punta di piedi

http://sorrentinofederica.wordpress.com

-Papillon

http://papillon1961.wordpress.com

-poesiamaestrale

http://poesiamaestrale.wordpress.com

Incontrarsi

Standard

Le-fantasticherie-del-passeggiatore-solitario_Magritte-1926-thumb[1]

Renèè Magritte, Le fantasticherie del passeggiatore solitario, 1926

Incontrarsi

sfiorarsi con i corpi,

perdersi

poi trovarsi,

stare accanto

senza riconoscersi

e cercare altro amore

più lontano.

Così mi sfiori appena

e già si spegne il lampo

del tuo sguardo;

hai paura di me,

forse tu non sai amare;

ed io non ti trattengo,

né rinuncio al sogno

che ci unisce qui ed ora,

nella breve illusione

di un frammento di tempo

consumato nel vivere

perdendoci.

 

 

E’ il tempo

Standard

1911_800_800[1]

Piet Mondrian, Albero grigio

E’ il tempo degli alberi

anneriti dal gelo,

dei rami spogli,

delle scorze scavate

dall’ inverno.

Sfilano fantasmi

di tronchi secchi

nei viali di periferia,

biancheggiano di neve,

brillano di ghiaccio,

dormono inconsapevoli

nella fredda metamorfosi

del segreto ritorno

e non sanno che presto

rivivranno.

 

Di cristallo

Standard

imagesR9RL5RHS

La donna di cristallo costringe la trasparente forma nella protetta fragilità della vetrina, esposta agli sguardi, nell’ intoccabile spazio in cui non entra un fiore vivo o il pulviscolo attraversato da un nastro pallido di sole.

Trattiene la perfetta trasparenza del corpo, cesellato da valenti artigiani, nell’ effimera azzurrità di una luce riflessa, il sinuoso corpo senza vita, senz’ acqua per la sua sete d’ immensità.

E già il tempo le assegna l’inamovibile e rappresentativo ruolo icastico, consegnato per sempre ad una superficiale visione, ad una esteriore bellezza priva di respiro; cosa fra cose pietrificate nella storia, passate in memorie non più fruibili.

Ma se qualcuno, per caso, aprisse la vetrina e dalla teca cadesse quella forma inerte;

se mille nuclei di stella, mille infinitesimali cristalli, risplendessero altrove, fuggiti all’ immobile significato di vetro, in rigagnoli di ruscelli che portano altre lucide pagliuzze fino al mare;

se disfacendo se stessa, la sua forma divenisse pensiero, nome , essenza…se…

…Se qualcuno potesse liberare un’ idea, un sogno,  un desiderio di cambiamento, risvegliare la voglia di vivere.

Grazie Cerambijoux per il nuovo Award!

Standard

912000859bd73bf6e3ee48d77a6fa5fc[1]

Devo a Cerambijoux http://cerambijoux.wordpress.com/ il bellissimo blog che ci informa e ci guida nella ricerca della nostra bellezza, l’ attribuzione di questo maraviglioso Award ideato da Rebecca Antolini e già assegnatomi dalla stessa all’ inizio del nuovo anno. Condividere l’ amore è un messaggio profondo e sensibile che comunico ai miei amici del blog perché nessuno resti  indifferente di fronte al bisogno di pace, di comprensione e d’ amore.award-share-the-love[2]

https://marisacossu.wordpress.com/2015/02/01

Nomino a mia volta:

– In the Mood For Love

http://sonoqui.wordpress.com

-Viola

http://violetadyliopinionistapercaso.wordpress.com

-massimoboturi

http://massimoboturi.wordpress.com

-tesoruccio49

http://tesoruccio49.wordpress.com

-montgiusi

http://anothersea.wordpress.com

-ospiteincallita

http://ospiteincallita.wordpress.com

-liù

http://pensieriportatidalvento.wordpress.com

-lascia vivere il pensiero…

http://eccociquiwith3.wordpress.com

-Carlo Galli

http://carlogalli.wordpress.com

– Mariella Matera

http://materamariella.wordpress.com

Le regole sono:  condividere il logo del premio, nominare da 5 a 10 bloggers meritevoli, scrivere una breve poesia o citarne una.

Fragile è l’amore 

Fragile è l’amore,

per un attimo fa vivere i tuoi sogni,

ti senti vivo per l’ardente luce

della fiammella

che ad un soffio muore.

Fragile è l’amore.

Marisa Cossu