La mia sera

Standard

La notte,Operadigitale

La notte, Opera digitale

La mia sera va di strada in strada

con i rumori e i profumi del giorno

già trascorso e la notte attorciglia

stellati rampicanti alla nascente luna,

si adagia sulla terra e sospende la vita

ai sogni che si apprestano nell’ombra

e si svelano bianchi, confusi, vaghi

nel sottosuolo magico del sonno.

Resto nel covo di una finestra aperta

dove anche un gabbiano ha fatto il nido;

ma non dormo, godo la notte tiepida,

penso al domani che ripete il tempo,

al gelsomino che si schiude all’alba.

© Marisa Cossu

Annunci

»

  1. È bello soffermarsi a pensare sullo scorrere del tempo, anche una semplice giornata se guardata nei dettagli diventa straordinaria. Ogni oggetto, ogni cosa ha un suo valore: il colore del cielo che varia di ora, in ora, la luna nel cielo, ora a falce, ora piena, l’odore di un glicine che nel silenzio della sera, pare intesificare il suo profumo. Buonanotte, Giusy

    • nelle cose il tempo lavora lasciando le sue impronte. Spesso sono orme di memoria, luoghi dell’anima; così la sera prende forma e si congiunge al sonno, mentre aspetto un miracolo nuovo. Grazie e un caro saluto. Marisa

  2. La leggo mentre ormai è già sera, anzi notte e mi sembra di entrare in un altro mondo, quelloc he hai descritto con dolcezza. Guardare il cielo, ascoltare i rumori dei silenzi notturni ecco il mondo fatato che hai descritto.
    Felice fine settimana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...