La pioggia

Standard

Leonid Afremov, il pittore della pioggia. Impressionista contemporaneo.

Leonid Afremov, il pittore della pioggia. Impressionista contemporaneo.

La pioggia scivola sulle cose

dissemina in rigagnoli le foglie;

passano anime e ombre

in una coltre bianca,

sul davanzale cade una goccia

una piccola pietra liquida,

cade e io scrivo…

l’acqua è inchiostro delle parole

la pagina bacia i fili di cielo

venuti a ispirare la fantasia.

La goccia scava, io scrivo;

scava nell’intimo indurito,

da ore buca il resistente spessore

della mia cecità ,

ora  vedo ciò che risorge,

un verde bagliore di bellezza,

la terra ammorbidita ed aulente

e uccelli alla finestra

tra gelsomini rampicanti.

Io scrivo, la goccia cade e scava

e tu sei nel lieve movimento del vento

che rigonfia la pioggia,

nell’onda trasparente  del tuo respiro,

sei nel punto in cui la goccia tocca l’abisso.

Se appare il vuoto o la morte,

goccia dopo goccia io scrivo,

di te scrivo che sei pioggia e vento,

albero e terra, nulla e tutto,

e  penso di essere altrove.

Marisa Cossu ( “Attraverso pareti di pietra” SBC Akea edizioni)

 

 

 

Annunci

»

  1. La pioggia con suo rumore sincopato ci accompagna e noi guradiamo fuori.
    Una stupenda poesia che ritmicamente accompagna le gocce di pioggia nel loro percorso dal cielo alla terra.
    Serena serata

  2. Buongiorno Marisa!
    A dire delle tue poesie ci vuole un grande coraggio e dunque a me piace leggere e basta.
    Piove nei paesi più disastrati e poveri del Sud Italia mentre qui a Roma è una lunga primavera un po’ sento la vergogna certo non mia di essere privilegiata anche dal tempo benevolo.
    Sheraconunabbraccio 🌷🍀🌹

    • Cara amica, così va letta la poesia! L’anima non si può toccare ma solo percepire e immaginare. L’anima forse è poesia. Qui è un’estate di San Martino continua e bellissima! Un abbraccio. Marisa

  3. PIOVE
    piove sul mio volto
    a nascondere le lacrime

    piove sul mio cuore triste
    per raffreddarne i battiti
    piove sulla mia anima cupa
    per annegarne i rimpianti

    piove su me ma non lo sento
    e la pioggia non riuscirà
    a lavar via il mio dolore
    già, non basterà così poco

    ed ogni attimo che passa
    accresce i miei rimorsi
    ed avvicina il momento
    dell’espiazione finale

    solo allora la mia anima
    sarà finalmente libera
    ed il mio cuore sereno

    Claudio

    • Claudio, che bella e sensibile composizione poetica1 Non ti immaginavo così romantico. La tua dolce poesia è colma di malinconia e di tristezza per qualcosa che solo apparentemente si può lavare con le lacrime. Marisa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...