Difesa

Standard

I lavori di pittura della giovane artista Rita Nocera

I lavori di pittura della giovane artista Rita Nocera

Fingere il meglio,

dissimulare l’ansia

del vivere ogni giorno

inchiodati dal tempo

a una stessa tela;

il deserto è miraggio,

la voce relazione,

l’amore è amore

senza se, senza ma.

Credere che sia vera

l’illusione

e non rialzarsi

finchè non cade il sole.

Marisa Cossu

Annunci

»

  1. Ci difendiamo da questa vita che non comprendiamo a fondo, fingiamo ed inganniamo noi stessi e gli altri. Questo è il meglio che sappiamo fare? ditemi che c’è di più!

      • Scusa il ritardo della risposta, in questo momento sono un po’ assente per problemi personali. Certo ognuno si difende o attacca questa vita come meglio può. Tutto quello che dici è giusto, ma l’assoluto cos’è? secondo me non esiste, c’è relatività in ogni cosa che facciamo.

      • Forse uscendo dalle cose sensibili e dalla misura inventata dall’uomo, si può generalizzare e rendersi conto che le domande sui fini dell’uomo non trovano risposta compiuta nel relativismo. Questa storia inizia con i presocratici e viene fino a noi per voce dei più importanti filosofi. Tuttavia se il bello e il vero siano relativi lo decide non tanto la filosofia come conoscenza, quanto ciascuno di noi come individuo. Rispettosa di tutte le culture, propendo per l’idea che esista qualcosa oltre i dati percettivi, qualcosa di perfetto e irraggiungibile anche attraverso il comune sentire.

      • Marisa, io rispetto la tua opinione, come quella di chiunque altro. Non ho sicuramente una cultura profonda per giudicare l’uomo, e nemmeno mi interessa farlo. Lascio ad altri questo ingrato compito, ma ribadisco il concetto che non credo esista qualcosa di assoluto a cui mirare. Ma è solo la mia umile opinione, io non sono nessuno, e questo è una certezza. Solo solo un uomo di passaggio, pieno di dubbi, e solo dentro di me posso sperare di trovare la forza per sciogliere quei dubbi.

      • Mi piace questo dialogo. Forse le conclusioni cui giungiamo sono le stesse
        Nessuno può essere tanto stolto di giudicare l’uomo e la pochezza della condizione umana è la realtà da cui io muovo per sognare, illudermi e poetare, affinché in me stessa e negli altri nasca una scintilla, un’ emozione e una riflessione sui temi che connotano la vita.

      • Non so se giungiamo alle stesse conclusioni, di certo la conversazione è interessante, e io sono uno che parla poco, mi esprimo di più attraverso i miei scritti, anche se ultimamente ho meno tempo.
        In quanto a stoltezza (anche se stoltaggine, rende di più l’idea) il mondo ne è pieno, l’uomo è molto bravo a giudicare gli altri, più che se stesso. E questo mi sembra indice del dramma che si svolge nella mente di molte persone. Credo che le persone dovrebbero sperare e sognare di più, raccontare se stesse e il patrimonio che hanno e soprattutto ascoltare gli altri. Forse una vita connotata da una maggiore valenza artistica non sarebbe male. Buon fine settimana Marisa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...